LA MENOPAUSA E I SUOI SINTOMI: COME RIACCORDARE UN’ORCHESTRA STONATA

//LA MENOPAUSA E I SUOI SINTOMI: COME RIACCORDARE UN’ORCHESTRA STONATA

LA MENOPAUSA E I SUOI SINTOMI: COME RIACCORDARE UN’ORCHESTRA STONATA

Non è una malattia, ma i dizionari medici ne elencano i sintomi. È semplicemente la fine del periodo riproduttivo della donna, una delle tante tappe della vita, una condizione fisiologica che si presenta puntuale tra i 45 e i 55 anni. Oggi possediamo un vasto arsenale di strategie per affrontare serenamente la menopausa, eppure ci fa paura e vorremmo che non arrivasse mai.  Irregolarità del ciclo, vampate, ansia, sudorazione notturna, calo dell’umore, insonnia e palpitazioni sono solo alcuni dei disturbi, la cui intensità è peraltro soggettiva, con i quali la donna entra in una nuova fase della vita. Come se non bastasse, la menopausa comporta anche ripercussioni estetiche e non, come l’aumento di peso, assottigliamento della pelle, rughe, riduzione della massa muscolare e la temuta osteoporosi. La fine della fertilità non è dunque una patologia da combattere, ma un processo naturale e inevitabile, da vivere con una nuova consapevolezza e modificando il proprio stile di vita, durante il quale la donna deve rivolgere nuove attenzioni al proprio corpo più delicato ed esigente. Questo perché l’organismo della donna in menopausa è come un’orchestra in cui non tutti gli strumenti sono accordati e la musica risulta un po’ stonata. Per questo la Farmacia Savelli mette a disposizione tutti i migliori strumenti cosmetici e farmacologici utili per affrontare al meglio e con serenità la seconda metà della vita di ogni donna.

INTEGRATORI

Per alleviare o prevenire i primi disturbi della menopausa, ecco che arrivano in soccorso gli integratori alimentari dedicati. Sul mercato esiste una gran varietà di prodotti, di fronte ai quali la donna può sentirsi smarrita. Alle donne che non vogliono che il proprio benessere psicofisico sia compromesso dai tipici sintomi pre e post menopausa, la Farmacia Savelli raccomanda integratori che combinano minerali, vitamine ed estratti vegetali, come ad esempio:

CIMICIFUGA RACEMOSA: Pianta erbacea tipica del Nord America, che deve il suo nome al suo forte odore che allontana le cimici. I suoi estratti hanno azione estrogenosimili, che mantengono sotto controllo le vampate di calore, i disturbi del sonno e gli stati depressivi, oltre a un’attività analgesica utile al trattamento dei dolori muscolari e della cefalea.

TRIFOGLIO ROSSO: Pianta officinale coltivata in tutto il mondo, diffusa in Italia prevalentemente in Piemonte. I suoi estratti, ricchi in estrogeni e isoflavoni, contribuiscono a contrastare le vampate, la cefalea e i sintomi depressivi.

VITAMINA D3: Presente in alimenti quali il fegato o pesci come la sardina e il salmone, la cui assunzione previene la perdita ossea che provoca l’osteoporosi, favorendo l’assorbimento di calcio a livello intestinale e regolando la crescita e la mineralizzazione delle ossa.

MAGNESIO: Minerale fondamentale per l’attività e l’equilibrio del sistema nervoso. Interviene sull’umore, che in menopausa diventa meno stabile, combattendo gli stati depressivi e tamponando i disturbi del sonno.

MELATONINA: Ormone naturalmente prodotto dalla ghiandola pineale, ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia, che talvolta nelle fasi pre o post menopausa può essere compromesso.

GINSENG: Antica pianta medicinale storicamente utilizzata in Cina, i cui estratti si comportano in modo simile agli estrogeni naturali e che sono utili a contrastare il calo di libido tipico della menopausa.

PELLE IN MENOPAUSA: IDRATAZIONE E PREVENZIONE

In che modo la menopausa colpisce la pelle? La menopausa provoca un drastico cambiamento dei livelli ormonali, compreso un calo degli estrogeni, che è ciò che causa i sintomi associati ad essa. Gli estrogeni svolgono un ruolo vitale nel mantenere la pelle elastica, giovane e sana. Essi stimolano la produzione di sebo e collagene, intervengono nella guarigione delle ferite, riducono i disturbi infiammatori della pelle, proteggono dal melanoma e dai danni del sole. I cambiamenti ormonali sono inevitabili, ma la buona prevenzione può limitarne i danni in menopausa. Va, quindi, utilizzata sempre una crema idratante senza olio, delicata, senza profumi o coloranti, oltre a un uso regolare di una buona protezione solare. Inoltre, durante l’esposizione al sole è buona abitudine indossare cappelli e occhiali da sole e mantenere la pelle coperta.

I cambiamenti della cute che possono verificarsi durante la menopausa includono:

ERUZIONI CUTANEE: La diminuzione dei livelli di estrogeni può essere causa di prurito, sensibilità e irritazione della pelle. Per questo una donna che soffre di eruzioni cutanee deve utilizzare prodotti naturali e senza profumo durante la detergenza, al fine di ridurre l’irritazione o l’infiammazione.

PELI SUL VISO: L’insufficienza di estrogeni, oltre a provocare diradamento o caduta dei capelli, causa la crescita di peli sul viso, sotto il mento, lungo la mascella o sul labbro superiore. Ceretta e rasatura sono ottimi rimedi casalinghi, mentre un dermatologo può indirizzare verso il trattamento laser o la crema depilatoria.

PELLE PIÙ SOTTILE: La menopausa causa l’assottigliamento della pelle, che diventa soggetta a macchie e lividi frequenti e visibili. È dunque fondamentale utilizzare quotidianamente una protezione solare SPF 30, la quale, pur non trattando direttamente l’assottigliamento della pelle, limita i danni nel tempo. Se invece la donna presenta danni seri o lesioni, è utile rivolgersi a un dermatologo.

PELLE SECCA: Con la mancanza di estrogeni, che mantengono la cute idratata, la pelle tende a seccarsi e sfaldarsi. Va quindi utilizzato un detergente delicato e la pelle va idratata subito dopo la doccia o il bagno.

MACCHIE SCURE: Si manifestano in menopausa, ma solitamente sono la conseguenza dei danni da esposizione al sole durante l’intera vita di una donna. Per questo è utile proteggere la pelle con la crema solare sin dall’infanzia, anche per prevenire il cancro della pelle in età avanzata.

ALIMENTAZIONE IN MENOPAUSA

Raccomandiamo, infine, l’utilizzo di alcuni alimenti che, con il gusto apporto di vitamine e isoflavoni, proteggono la donna dall’insufficienza di estrogeni.

LATTE DI SOIA: La soia è un valido alleato delle ossa. Contiene isoflavoni, molecole simili agli estrogeni, e può essere utilizzato anche in caso di intolleranza al lattosio. Aiuta a prevenire i sintomi della menopausa, le vampate in primis, e il suo consumo risulta prezioso nella prevenzione dell’osteoporosi.

OLIO DI CANAPA: Olio vegetale ricco in acidi grassi essenziali, con proprietà antiossidanti. Ha un odore poco marcato e un gradevole sapore che ricorda le nocciole. Il perfetto equilibrio tra Omega3 e Omega6 rende l’olio di canapa un ottimo condimento per insalate, zuppe, cereali, proteggendo le ossa dall’osteoporosi.

GOMASIO: Condimento a base di sesamo e sale, largamente utilizzato nella cucina orientale, permette di ridurre il quantitativo di sale da cucina. È fonte di acidi grasso Omega3 e Omega6 ed è ricco di sali minerali, come ferro, fosforo e calcio, preservando le ossa dalla demineralizzazione.

GERME DI GRANO SARACENO: Prodotto altamente energetico contenente i principali micronutrienti per la sintesi proteica. Combatte la sensazione di stanchezza e affaticamento, preserva le funzioni muscolari e protegge l’organismo dallo stress ossidativo.

MIGLIO BRUNO: Cereale ricco di vitamine del gruppo B e di minerali, come ferro, fluoro, sodio, magnesio, fosforo, potassio e zinco. Il miglio bruno è il cereale con maggiore concentrazione di acido silicico, che favorisce la rigenerazione dei tessuti, contribuendo al benessere di ossa, muscoli e capelli, preservando la tonicità della pelle.

2019-09-06T12:45:41+02:00 Febbraio 21st, 2019|SALUTE|

About the Author: