La tua salute parte dall’intestino

//La tua salute parte dall’intestino

La tua salute parte dall’intestino

Un intestino sano è fondamentale per il benessere dell’intero organismo. Questo è possibile solo mantenendo il nostro microbiota in equilibrio. Il microbiota intestinale è l’insieme dei batteri che colonizzano l’intestino. E’ caratteristico per ognuno di noi come un’impronta digitale ed è coinvolto nel metabolismo energetico, nella regolazione del sistema immunitario, nella protezione dagli agenti patogeni, nella produzione di vitamine e nell’integrità della barriera intestinale. Stimoli esterni quali stress, viaggi, fumo, infezioni, cambiamenti delle abitudini alimentari, una dieta scorretta, l’uso di farmaci o l’avanzare dell’età possono alterarne la composizione causando una condizione di disbiosi. Questo si traduce in un’infiammazione dell’intestino dove, l’adesione tra le cellule intestinali viene alterata e il risultato è il passaggio di sostanze indesiderate (patogeni, allergeni, tossine) dal lume intestinale al tessuto sottostante che risponde con una reazione infiammatoria.

Quali sono le cause della disbiosi intestinale?

  • Terapie antibiotiche
  • Stress
  • Infezioni o malattie
  • Cambio di alimentazione
  • Fumo
  • Pre-post menopausa

Quali sono i sintomi?

  • Irregolarità intestinale
  • Gonfiore addominale
  • Difficoltà digestive
  • Meteorismo
  • Alitosi
  • Intolleranze e infiammazione da cibo
  • Malessere generale
  • Insonnia
  • Recidive di infezioni del tratto uro-genitale e respiratorio
  • Acne, dermatiti, eczemi
  • Indebolimento e caduta dei capelli

In presenza delle condizioni sopraindicate, è utile indagare la composizione della flora intestinale per valutare un’eventuale condizione di disbiosi attraverso il servizio Biomaplan.

Che cos’è il Biomaplan?

E’ un metodo di analisi genetica della flora intestinale eseguito in collaborazione con il laboratorio di analisi BMR (Spin off dell’Università degli studi di Padova e aderente al progetto nazionale microbioma italiano). Esperti microbiologi estraggono dal campione fecale frammenti del dna batterico e lo analizzano attraverso tecniche di sequenziamento genico di ultima generazione. L’analisi molecolare BIOMAPLAN identifica le specie batteriche presenti nell’intestino e il grado di equilibrio complessivo (eubiosi) o di alterato equilibrio (disbiosi) del microbiota. Inoltre, valuta la capacità del microbiota di promuovere alcune funzioni fondamentali dell’organismo.

Come procedere per effettuare il test?

  1. Richiedere in farmacia il comodo kit di analisi della flora batterica intestinale
  2. Raccogliere il campione di feci a casa e riconsegnare il kit in farmacia
  3. Il campione sarà analizzato dal laboratorio di analisi BMR. Il farmacista valuterà il referto e fornirà, se necessario, una consulenza personalizzata

In presenza di disbiosi, la pulizia intestinale rappresenta il protocollo ideale per rispristinare l’equilibrio della flora batterica (eubiosi) e di conseguenza il corretto funzionamento dell’intestino.

Questo è possibile attraverso il metodo Reset.

 

Che cos’è il metodo Reset?

E’ un percorso utile alla pulizia intestinale per ritrovare l’equilibrio della flora batterica.

Si struttura in 5 tappe:

  1. R di Rieducare a una sana alimentazione
  2. E di Eliminare tutte quelle sostanze causa di disbiosi: inquinanti ambientali (fumo, metalli pesanti, tossine, xenobiotici) con i quali possiamo entrare in contatto attraverso l’alimentazione e ridurre l’alcol
  3. S di Somministrare probiotici al proprio intestino
  4. E di Equilibrare e ristabilire l’integrità della barriera intestinale
  5. T di Tenere sotto controllo l’eubiosi finalmente ristabilita

Qual è la dieta ideale per un intestino sano?

La prima regola consiste nel mangiare lentamente, masticando per bene e a lungo il cibo. Questo evita il gonfiore e difficoltà nella digestione. Bisogna mangiare quotidianamente alimenti ricchi di fibre quali legumi, verdure e cibi integrali. Questi alimenti, regolarizzano l’intestino e nutrono il nostro microbiota. E’ bene mangiare la frutta, ma lontano dai pasti per evitare che fermenti. Validi alleati sono anche la frutta secca (mandorle, nocciole, anacardi, pistacchi) e i semi oleosi in quanto sono ricchi di Omega 3 che ha proprietà antinfiammatorie. Sono invece da ridurre gli zuccheri semplici, alimenti contenenti il lattosio (non tutti sono in grado di digerirlo), insaccati e carne (creano un ambiente infiammatorio). Inoltre, è bene organizzare ogni giornata alimentare secondo il “Piatto unico di Harvard” che fornisce una guida dettagliata ma semplice da seguire per avere una sana alimentazione.

Per saperne di più sul test ti aspettiamo in farmacia oppure puoi chiamare al numero 0873367249

Puoi contattarci anche utilizzando il form

2020-02-04T11:29:16+02:00 Febbraio 4th, 2020|SALUTE|
WhatsApp chat